Il giorno Sabato 17 Febbraio 2018 ho tenuto, nell’ambito della fiera “Animalissima” di Pisa, un seminario relativo all’alimentazione del gatto.

Il titolo del seminario è “Alimentazione del gatto: quale scegliere?” ed è un’analisi approfondita, e corredata da fonti scientifiche per ogni punto trattato, dei diversi tipi di alimentazione che si possono scegliere per il gatto: l’alimentazione secca estrusa, quindi i croccantini, l’alimentazione umida, l’alimentazione liofilizzata, l’alimentazione casalinga cotta e l’alimentazione casalinga a crudo.

Per ognuna di queste tipologie sono stati individuati dei vantaggi e degli svantaggi, che permettono al proprietario di “orientarsi” tra la vasta scelta che gli alimenti migliori per gli animali mettono a disposizione. Poiché ogni alimentazione ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi, non esiste un’alimento migliore in senso assoluto per il gatto, ma ogni animale deve essere valutato a sé in quanto soggetto unico, con le sue necessità, uno stile di vita particolare, uno stato patologico e fisiologico differente rispetto agli altri. Non ultimo, vanno valutate anche le necessità del proprietario, che sono fondamentali nella scelta di un alimento per gli animali.

Di seguito potete vedere il video completo del seminario.

Per questo bellissimo lavoro devo assolutamente ringraziare Elisa di Miciogattoottima collaboratrice che si è occupata della realizzazione tecnica del video permettendo di avere questo ottimo lavoro che, altrimenti, sarebbe stato limitato alle sole persone presenti al palazzo dei Congressi di Pisa e che in questo modo rimane invece a disposizione di tutti; altro ringraziamento va a ANFI sezione Toscana, Associazione Nazionale Felina Italiana che si è occupata della realizzazione della fiera “Animalissima” di Pisa e che mi ha contattato per chiedermi di tenere questo seminario.

Chiedo a tutti coloro che vorranno guardarlo (anche perché si tratta di un seminario piuttosto lungo) di lasciare un commento con il loro pensiero relativo al modo, che ha voluto essere quanto più tecnico possibile, di trattare un argomento come quello alimentare molto spesso dibattuto, e poco conosciuto.